CASA DELL’ACQUA….NON SOLO A VENTURINA TERME !

Data: Ticket: # 303
Categoria: Proposte / Ambiente 
Mappa: icona mappa ticket303 Stato:
Vota :    1
senza sollevare alcuna polemica (per il momento), come cittadino propongo all' Amministrazione Comunale di installare una casa dell'acqua anche a Campiglia Marittima capoluogo.
campigliamarittima_303_1.png

  • giobbe

    Sicuramente l’Amministrazione valuterà la proposta…ma la casa dell’acqua è nel territorio di Campiglia Marittima, un’altra è a San Vincenzo, a Piombino e Suvereto per ora nulla, alla fontanella ci va chiunque senza alcuna discriminazione territoriale e la valorizzazione la possono usufruire tutti frequentadola, ad esempio il centro storico di Campiglia per ogni intervento fatto ne beneficiano i residenti ma anche chi frequenta il borgo e sarebbe assurda una polemica (sempre) finalizzata ad avere la casa dell’acqua sotto le proprie finestre e mettre in contrapposizione i cittadini in base alla loro residenza.

  • pescatore

    nessuno vuole la casa dell’acqua sotto le finestre, ma paragonare San Vincenzo a Campiglia mi sembra un po eccessivo…….l’acqua è un bene di tutti e tutti ne devono disporre, specialmente quando viene trattata per renderla di alta qualità con i soldi di TUTTI. Mi dice come potrebbe fare un anziano che abita a Campiglia, senza patente, ad usufruire del servizio ? A San Vincenzo e Venturina è facile…basta una bicicletta ! E poi, con quale criterio è stato deciso di mettere la casa dell’acqua a Venturina ? Quali sarebbero gli interventi fatti nel centro storico di Campiglia ? Il centro storico interessa solo dall’ 11 al 15 agosto quando entrano nelle casse del Comune e delle varie associazioni (alcune anche di Venturina ) i proventi di Apriti Borgo……per il resto solo chiacchere !

  • Comune Campiglia Marittima

    Gentile concittadino,
    l’installazione della casa dell’acqua non è prevista, nell’immediato futuro, nel capoluogo di Campiglia M.ma. Purtroppo ragioni di budget ci hanno imposto di scostarci dall’idea iniziale, che prevedeva la realizzazione di più punti di erogazione sparsi nel territorio comunale.
    L’acqua che forniamo ai cittadini, sono certa che ne converrà, deve necessariamente essere di qualità elevata, il che richiede un costo di manutenzione, controllo e gestione dell’impianto costante e serrato, con ripercussioni economiche facilmente intuibili, alle quali deve essere aggiunto il costo di tutto l’impianto ed il consumo della risorsa.
    Nel momento in cui si verificheranno le condizioni riprenderemo il progetto iniziale e gli daremo seguito, installando nuovi punti di erogazione.
    Un’ultima considerazione riguarda invece la percezione che taluni hanno rispetto alle località in cui il territorio è diviso: ritengo che un comune così piccolo come il nostro è, possa e debba godere della sua unità, così come unitariamente deve essere percepito dagli amministratori e dai cittadini.
    Cordiali saluti
    Viola Ferroni

  • pescatore

    ringrazio l’ Assessore per la cortese risposta, rimandando ulteriori chiarimenti nella sede appropriata. Saluti a tutti i concittadini.



Devi essere loggato per postare un commento, Log in »